LivingCinema

Posts Tagged ‘Russia’

Marty – Vita di un timido (1955) di Delbert Mann

In Videodrome on 10 novembre 2014 at 17:19
U.R.S.S.

U.R.S.S.

Marty (U.S.A. – 90′ – b/n.)

My joy: miseria e potere.

In DropOut on 17 maggio 2013 at 11:19

film_8053_original_1Non è mai facile vivere una terra di confine, e sopravvivere. Ucraina: un corpo morto viene buttato tra le fondamenta di una costruzione qualsiasi, e ricoperto con una gettata di cemento. E’ l’inizio immediato e sconvolgente di My joy (2010) un film di Sergey Loznitsa che probabilmente mai vedremo nelle sale italiane. Leggi il seguito di questo post »

78 – Ottobre (1928)

In Senza categoria on 10 giugno 2012 at 12:21

Ottobre. – Sergej M. Ejzenštejn (U.R.S.S. – 1928 – 108′ b/n)

Attori: V. Nikandrov, Vladimir Popov, Boris Livanov, Eduard Tisse, i soldati dell’Armata Rossa ed i contadini di Leningrado

Titolo originale: Oktiabr’

Il terzo film del regista russo Sergej M. Ejzenštejn, ispirato al reportage giornalistico I dieci giorni che sconvolsero il mondo di John Reed [1], mostra in meno di due ore, i dieci giorni cruciali della Rivoluzione d’Ottobre. Concentrato sulla moltitudine come soggetto principale della narrazione Ejzenštejn è il primo regista a rendere la massa, il popolo, protagonista di un racconto cinematografico, perché Ottobre non vive nell’esperienza del singolo (se non nel mito di Lenin che aggrappato alla bandiera affronta il mal tempo nel suo comizio alla stazione in Scandinavia) ma di una forte identificazione collettiva in un progetto comune: la rivoluzione contadina e operaia, commissionata al regista per il decennale della Rivoluzione. Leggi il seguito di questo post »

1895 – 1909 // LE ALTRE CINEMATOGRAFIE

In Il Tempo Ritrovato on 2 settembre 2011 at 20:51

In Spagna la prima pellicola prodotta, sicuramente ispirata all’idea Lumière del cinema,è Uscita della messa dei dodici dalla Chiesa del Pilar di Saragozza (1896) di Eduardo Jimeno, il quale realizza questo filmato non appena aver acquistato una macchina da presa proprio dai fratelli Lumiere. Nel 1897 è costruita e brevettata invece la prima macchina da presa spagnola, per mano di Fructuoso Gelabert, il quale realizza anche il primo film iberico a soggetto: Rissa in un caffè (1897). Dieci anni dopo nel 1907 è realizzata la prima pellicola con base scritta, con una sceneggiatura cioè, Terra baja (1907) di Angel Guimerà. Alla fine del decennio il regista Segundo de Chomòn realizza il filmato d’animazione El hotel electrico (1908) dove oggetti inanimati danno l’impressione di muoversi, per la prima volta, perché filmati fotogramma per fotogramma (tecnica chiamata stop motion). Il seguente Viaggio al centro della Terra (1909) sempre di de Chomòn, mostra invece per la prima volta sullo schermo i cavernicoli, definendoli così nell’immaginario collettivo. Leggi il seguito di questo post »

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: