Living Cinema

Una storia americana.

In Nicheldome on 30 gennaio 2021 at 18:26

Se un giorno doveste scoprire che l’uomo con il quale avete vissuto per trenta anni, il padre che vi ha cresciuto tra musica arte e videocamere, se un giorno doveste scoprire che è un pedofilo, cosa accadrebbe alla vostra famiglia e a voi?

Posta così, è una domanda alquanto imbarazzante e sconvolgente, ma è esattamente quello che è accaduto alla famiglia Friedmans verso la fine degli Anni Ottanta, negli Stati Uniti, famiglia che, sconvolta da questa accusa rivolta al padre, l’emblema della tradizione del focolare americano, decide di riprendere tutto con la videocamera.

E’ questo infatti il lato più interessante del bel documentario Una storia americana – Capturing the Friedmans (2003) di Andrew Jarecki, giustamente premiato con il Premio della Giuria al Sundance Film Festival di quell’anno (e una candidatura ai Premi Oscar). La ricostruzione di tutta la vicenda è con materiale d’archivio privato, composto dalle riprese di famiglia che non solo non si interrompono una volta che il padre viene ufficialmente accusato, ma addirittura si moltiplicano proprio in questa ossessiva ricerca, da parte soprattutto dei figli, di quella che è la verità, probabile. 

Verità che sfuggirà per tutto il tempo della durata del film, perché la bravura del regista è stata quella di non prendere mai una vera posizione (cosa che all’epoca fu fatto invece dai mass media) e ricostruire la vicenda attraverso le voci degli interessati (tranne uno dei fratelli). Il risultato è una sorta di Rashomon (1950) di Akira Kurosawa, in versione documentario, un film che indaga sulla verità senza mai riuscire a sfiorarla. Perché? Perché nel documentario di Andrew Jarecki quello che traspare davvero non è la volontà di chiarezza, ma è più una sorta di isteria collettiva, di diabolico collegio “alla Loudon“, una caccia alle streghe, una insana necessità di trovare un mostro attraverso il quale riconoscere la propria normalità.

Un documentario (prodotto dalla HBO) che ha contribuito a lanciare un genere, il crime con materiale di repertorio, genere di cui adesso soprattutto Netflix ci ciba costantemente.

buona visione.

Captain NEMO's Weblog

Alchimia & Filosofia della Natura

CINEMA ZOO

IL CINEMA DALLA B ALLA ZOO

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: