LivingCinema

1950 // 1959 – U.R.S.S.

In Il Tempo Ritrovato on 11 agosto 2019 at 12:18

Joseph StalinFino alla morte di Iosif Stalin, nell’anno 1953, il cinema è soprattutto ancora concentrato nella produzione di grandi colossal, ovviamente di regime. La produzione di questi anni tocca però anche il minimo storico proprio nell’anno della morte del suo leader: solo due pellicole sono realizzate nell’intero paese.

Nello stesso anno muore anche un grande autore come Vsevolod Pudovkin, presto seguito dagli altri grandi colleghi Dziga Vertov e Aleksandr Dovzhenko, entrambi deceduti nello stesso decennio.

YrAb4rG

Inserisci una didascalia

Insomma, si potrebbe dire che con la loro scomparsa finisce la prima grande ondata del cinema teorico sovietico e ci si predispone a preparare la strada verso il disgelo portato da Nikita Sergeevič Chruščëv, susseguito a Stalin alla direzione del paese. È infatti il congresso del PCUS del 1956 a sancire la fase di disgelo anche per il cinema nazionale e Il quarantunesimo (1956) di Grigori Ciukrai è una delle prime pellicole, una love story, che riesce così a fare il giro del mondo.

02238001Il 40° anniversario della Rivoluzione d’Ottobre è invece il tema centrale per il quale sono prodotte quasi tutte le pellicole del 1957 e tra le quali quella forse meglio riuscita, e più conosciuta, è Quando volano le cicogne (1957) di Mikhail Kalatozov che vince la Palma d’Oro al Festival di Cannes.

der-sputnik-schock-102~_v-varm_786c7eIl 4 ottobre 1957 è lanciata nello spazio con successo la navicella spaziale Sputnik ed incomincia con gli Stati Uniti la grande competizione per la conquista della luna. È per il paese un discreto periodo di fermento culturale e progresso sia scientifico che tecnologico, un periodo che riporta ossigeno anche ad una classe di professionisti e intellettuali che sarebbero presto collassati per l’asfissia politica cui Stalin aveva ridotto il paese.

90925Per quanto concerne il settore cinematografico in particolare, la produzione torna a crescere e nel 1958 si possono contare ben oltre 130 pellicole prodotte, anche se non tutte di ottima qualità, e qualcuna anche di più leggero intrattenimento. Nel 1959 prende il via il Festival del cinema di Mosca con la sua prima edizione ed il suo primo vincitore: Il destino di un uomo di Sergej Fëdorovič Bondarčuk.

260px-Ballata_di_un_soldatoIl regista Grigori Ciukrai con Ballata di un soldato (1959) è in concorso al XIII Festival Internazionale del cinema di Cannes, e sarà candidato qualche anno più tardi anche per gli Oscar come Miglior Sceneggiatura Originale.

  1. […] in Polonia dopo la morte di Stalin in URSS, segue un periodo di disgelo come in quasi tutti i paesi satelliti del blocco dell’Est, […]

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: