LivingCinema

In pieno sole (1969) di René Clément

In Nicheldome on 23 marzo 2019 at 11:53

JAPANESE171-2Forse uno dei migliori noir della Nouvelle Vague, il film di René Clément (adattamento del romanzo della americana Patricia Highsmith) è soprattutto un saggio sulla crudeltà nel mondo del denaro, le apparenze e la frustrazione dei desideri materiali, raccontato attraverso le aspirazioni di un piccolo borghese che punta in alto, senza alcuna qualità che l’invidia.

large_purple_noon_blu-ray_06Per raggiungere questo messaggio la storia sceglie di veicolarlo attraverso il più complesso tema del doppio (Ripley come replay – reinterpretare un ruolo) che non si esaurisce nella banale dualità tra bene e male, anzi, si completa in una tesi cinica in cui il denaro non è in grado di proporre un secondo lato della medaglia diversa da se stessa: in fondo anche Philippe (Maurice Ronet) è un pezzo di merda che si diverte a schiacciare Tom (Alain Delon) dalla sua posizione privilegiata, e in qualche modo merita anche quello che Tom gli fa, ma è pur sempre un delitto, e alla fine la morale (dostoevskiana) si deve per forza completare nella condanna del delitto. Se da un lato quindi il pubblico è portato a considerare che ci siano delle motivazioni giuste di fronte al gesto di Tom, è anche vero che queste motivazioni sono diverse per Tom stesso, perché il suo piano è uno schema elaborato da tempo e che funziona alla perfezione, se non fosse che dal destino non si sfugge (il cadavere che riemerge).

alain-delon-marie-laforet-plein-soleilIn questo rapporto a due, tra due diversi tipi di manifestazione del male, è schiacciata la figura ingenua di una potenziale scrittrice, il personaggio di Marge (Marie Laforêt), la figura innocente dell’intellettuale inconsapevole (caratteristica comune alla maggior parte delle donne della prima ondata della Nouvelle Vague, soprattutto nell’idea del triangolo) che cede alle lusinghe di un amore malato, quello mosso dalla invidia di Tom, per vincere la paura dell’abbandono e il sospetto malinconico di una vita solitaria.

cppwHHASrsLzmuhlLHy8VriBONxLa regia di René Clément è una regia molto concreta, fatta di molti primi piani soprattutto nella prima parte, per cedere poi ad una narrazione più elaborata a partire proprio dal primo omicidio in barca. A questo proposito entrambe le scene delittuose sono davvero ben elaborate: il primo omicidio con il mare in tempesta, che accentua la dinamica folle del gesto con l’uso di inquadrature estreme in un montaggio più ritmato e la mancanza del commento musicale, scelta diametralmente opposta per quanto riguarda il secondo omicidio, la cui scrittura è ancora classica (quasi dostoevskiana con la sequenza nelle scale) ma con una musica a contrasto e poi il montaggio di Tom che va alla finestra e vede un gruppo di bambini giocare vicino alla macchina della vittima, e poi, piegato sul cadavere, il movimento di un carrello che avanza velocemente per guardare Tom attraverso la rete del divano, a prefigurare delle sbarre di fronte al suo destino.

M_lang_3Lo stesso simbolismo era stato più esplicito durante il primo omicidio, quando il sacco con il cadavere di Philippe continuava a galleggiare accanto alla barca nonostante Tom se ne fosse liberato, ma l’eleganza del secondo omicidio funziona di più. Il cesto della frutta che cade e il gruppo di bambini evocano in qualche modo M. Il mostro di Düsseldorf (1931) di Fritz Lang, proprio nella sua classicità.

i086590Le ambientazioni costiere, le vie e la maggior parte degli interni fanno tutti parte di una Italia scenografica che adesso non esiste più, almeno nella sua naturalità, così come però anche alcuni passaggi narrativi del film sono ormai considerati obsoleti (la figura del commissario Ricordi è molto debole per esempio) e a volte anche ridicoli (penso alla scena in cui Tom chiede a Marge di suonare la chitarra per lui).

RIPLEYNel 1999 il film è tornato in sala sotto forma di remake diretto da Anthony Minghella e con il titolo Il talento di Mr. Ripley e con Matt Damon nei panni vestiti da Alain Delon.

 


purple-noon-plein-soleil-talented-mr-ripley-1960-tom-and-philippe-with-woman-alain-delon-maurice-ronet-reviewTRAMA: Il giovane rampollo Philippe Greenleaf (Maurice Ronet) è in vacanza in Italia con il suo amico Tom Ripley, incaricato  quest’ultimo, dal padre di Philippe, di convincerlo a tornare negli Stati Uniti. Per questo lavoro il signor Greenleaf ha promesso a Tom una ricompensa di 5.000 $. In realtà la vita lussuosa e sregolata che Philippe sta facendo in Italia piace molto a Tom, un ragazzo con possibilità economiche decisamente inferiori a quelle del suo ricco amico, e Philippe è anche fidanzato con Marge, appartenente anche lei ad una ricca famiglia.

1807pleinsoleil01È proprio fruttando la relazione tra i due, ed un tradimento consumato da Philippe, che Tom riesce a rimanere solo con il suo amico durante una traversata in barca. Approfittando di non avere testimoni, in mezzo al mare, Tom pugnala a morte l’amico Philippe e si libera del cadavere gettandolo in mare.

f7153d18af555f25402577384469b682--alain-delonRaggiunta la destinazione turistica cui erano diretti, Tom prende l’identità di Philippe con l’obiettivo di vendere la barca e prosciugarne i conti bancari, ma è costretto a mentire quando decide di voler vedere Marge che gli chiede in formazioni del suo fidanzato.

Plein-Soleil-GQ-14Aug17_rex_bA insospettirsi della strana e prolungata assenza di Philippe è anche Freddy, un altro ricco amico di Philippe che non vede di buon occhio la presenza di Tom. Quando Freddy si accorge che Tom ha preso il posto di Philippe viene colpito a morte da Tom, che si sbarazza del cadavere, sicuro che la colpa verrà data all’amico scomparso. Il ritrovamento del corpo di Freddy mette in allarme la polizia locale guidata dall’ispettore Ricordi il quale, dal primo momento, sospetta proprio di Tom, ormai perduto dietro la sua passione per Marge la quale, ricevuta l’ennesima lettera falsa in cui il suo ex fidanzato dichiara di togliersi la vita e di lasciare a lei tutti i suoi averi, cede alle lusinghe di Tom.

Unknown.jpgQuando tutto sembra riuscito secondo i piani di Ripley, Marge viene convocata per la vendita della barca e quando la barca viene tirata a secco compare il cadavere di Philippe che era rimasto legato alla imbarcazione per tutto il tempo. La polizia si reca nella proprietà dei Greenleaf per arrestare Tom, che ormai si atteggia a Philippe.

Titolo originale: Plein soleil (1960. FRANCIA. 118′ col.)

Con: Alain Delon, Maurice Ronet, Marie Laforêt

 

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: