LivingCinema

Requiem for a dream (2000)

In SET on 23 luglio 2018 at 10:49

Jennifer Connelly on the set of Requiem for a Dream, 2000Non è la prima volta che viene usata la bodycam, e non possiamo sicuramente dimenticare Harvey Keitel quando si ubriaca con i suoi amici in Mean streets – Domenica in chiesa, lunedì all’inferno (1973) di Martin Scorsese. Da quel momento in poi è spesso stata usata per raccontare gli effetti di una soggettiva distorta del protagonista, raccontati però sul primo piano e sicuramente in Requiem for a dream di Darren Aronofsky se ne fa un largo uso proprio perché il tema centrale è la distorsione della percezione a causa delle droghe. Questo linguaggio, quello della bodycam, è stato abbondantemente sfruttato durante tutto il tempo che intercorre tra i due film, specialmente nel linguaggio del videoclip ed è anche per questo che il film di Aronofsky è stato spesso accusato dalla critica ortodossa di attingere ed abusare proprio questo linguaggio tipico da videoclip. In questa foto di scena è Jennifer Connelly ad durante le riprese di Requiem for a dream.

 

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: