LivingCinema

Ti West oltre ogni genere.

In Nicheldome on 16 luglio 2018 at 14:54

Vedere un film di Ti West vuol dire essere disposti a vedere un cinema che non si prende mai sul serio, e che nella maggior parte dei casi funziona come cinema proprio per questo.

in_a_valley_of_violence_ver2_xlgPrendiamo un genere come il western, che ha delle regole ben precise come la giusta scelta del protagonista, un cavaliere solitario in cerca di vendetta. E dopo un accurato casting scegliamo Ethan Hawke per interpretarlo, nel pieno della sua seconda giovinezza cinematografica (davvero); proviamo poi a metterlo di fronte a John Travolta (forse alla sua terza giovinezza cinematografica) e diamogli anche un pretesto qualsiasi, dico, qualsiasi, pur di mettere in moto la macchina cinematografica di Ti West e fare un film. Ecco Nella valle della violenza (2016) l’ultima fatica per la sala grande del giovane regista americano.

In A Valley Of ViolenceQuesto pretesto è una cagnetta, qualcosa che vale più dell’amore e che un gruppo di malviventi, capeggiati dal figlio dello sceriffo di Donver hanno ucciso, per vendicarsi di un affronto subito in una rissa provocata.

Ethan-Hawke-in-In-a-Valley-of-Violence-2016-1

Ethan Hawke

Sì, il pretesto è un vero e proprio MacGuffin con il pelo (anche ben elaborato nella narrazione di tutta la prima parte del film) ed in fondo che problema si deve essere posto Ti West (autore della sceneggiatura), se anche tutto Rambo (1982) diretto da Ted Kotcheff, alla fine si basava su uno screzio tra un reduce del Vietnam e uno sceriffo che non voleva rogne…. con tanto di salto nel vuoto di Ethan Hawke in Nella valle della violenza.

travolta-valley-758x504

John Travolta a sinistra

Il western torna così sul grande schermo con ironia (uno sceriffo codardo, una rissa ridicola, dialoghi e personaggi spesso sopra le righe) nelle mani di un regista che cerca di tenere tutto sotto controllo (e in parte ci riesce) con tanto di non troppo velata critica alla società americana, in fondo già presente nella scelta del titolo: quella della cittadina di Donver è la valle della violenza dove si lascia che il più stupido faccia il bullo perché figlio di una autorità, un figlio che nella sua ottusaggine, ovviamente, non accetta di buon occhio lo straniero.

Nella_valle_della_violenza_05

Taissa Farmiga (a sinistra)

Il mistero e il fascino del protagonista si affievolisce con il procedere della storia purtroppo e cede  di fronte a questa leggerezza narrativa con la quale Ti West ha affrontato il genere, pur omaggiando tutti, sin dai titoli di testa. C’è anche Taissa Farmiga lanciata nel 2011 nella serie tv American Horror Story, ma anche se il suo è un bel personaggio, forse il più riuscito, non è questo il film che la renderà celebre sul grande schermo.

Un western divertente, forse un po’ troppo leggero.

buona visione.

 

Annunci

dimmi cosa vedi:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: