LivingCinema

Pelle (2017) – Elogio della perfezione e bruttura dei sentimenti.

In Nicheldome on 16 febbraio 2018 at 10:55

pielesSinceramente non pensavo di vedere qualcosa che mi avrebbe sconvolto, perché ne ho visti davvero tanti. Soprattutto di genere. Eppure… è partendo proprio dalla difficile (e sempre più insopportabile) collocazione nei generi che ho capito che questo film mi aveva comunque segnato: Pelle (2017) di Eduardo Casanova è una vera chicca.

14969053939898Laura è cieca e fa la prostituta di lusso dopo che un cliente le ha regalato dei diamanti da usare al posto degli occhi. Guille vorrebbe perdere l’uso delle gambe per diventare una sirena ed Ernesto invece è stato cacciato di casa  perché la madre lo ha scoperto a masturbarsi sulla foto della sua fidanzata dal volto sfigurato.

pieles1Samantha invece, ha un problema dalla nascita e per questo non esce mai di casa: è nata con l’ano e la bocca invertiti. Il padre le vuole così bene che per aiutarla ad affrontare il pubblico quando è fuori, le regala una maschera da unicorno. Non vivono tutti nello stesso appartamento o nello stesso palazzo, ma in un luogo immaginario, in un luogo che probabilmente non esiste e che appartiene solo all’immaginazione macabra ed elegante di Casanova (il film è lo sviluppo del suo precedente cortometraggio sul personaggio di Samantha).

Sopraffatti dalla visione estrema di questo luogo abitato a metà strada tra Tim Burton e Ciprì e Maresco, superato il difficile scoglio di una celebrativa messa in scena della differenza, dove tutti portano un segno evidente del proprio personaggio, emergono lentamente le ferite più dolorose, quelle che segnano non più la superficie, ma il cuore di ogni singola tessitura narrativa.

201715685_1Prendendo e mettendo da parte la lezione dei più autorevoli Browning ed Herzog, l’esordiente regista spagnolo Eduardo Casanova scava nel tema della diversità per raccontare invece il tradimento, l’avidità di un impresario televisivo contro una nana che vorrebbe avere un figlio, la solitudine di un figlio che non vede più il padre, l’egoismo di una madre, il narcisismo, o più semplicemente la solitudine, la mancanza di un contatto di fisico.

pieles-pelleChi abita in questo mondo iper reale dell’immagine\frame, addobbato con colori pastelli al limite di elaborati monocromatici (fratelli Cohen\Wes Anderson), soffre spesso non per la propria differenza, ma per la brutalità del mondo che lo circonda e dalla quale il film non prescinde: la maggior parte delle situazioni si svolge in luoghi chiusi, dove i personaggi sono protetti dal mondo al quale non-appartengono, e che invece si trasforma\frantuma\rinasce una volta che i protagonisti ne rompono i confini.

14968419042387Con una sceneggiatura (dello stesso Eduardo Casanova) che gioca all’incastro sfruttando il paradosso (la valigetta con i soldi) Pelle (2017) è un divertente e macabro elogio alla bruttura e perfezione dei sentimenti, un inno al tempo stesso all’amore impossibile (o a tutto l’amore possibile in tutte le sue s-facce-ttature).

Il colloquio con il quale il film si apre è perfetto.

Annunci
Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: