LivingCinema

Réalité (2015) di Quentin Dupieux

In Nicheldome on 19 ottobre 2015 at 14:27
Quentin Dupieux

Quentin Dupieux

Non lo abbiamo mai nascosto: per noi Quentin Dupieux (una volta Mr. Oizo) è un genio, o un fuso totale, o comunque uno che non ha niente in testa, se non il cinema, o la voglia di farlo e di giocarci. E’ questa probabilmente sempre stata la sua massima ambizione, e forse con Réalité (2015), il suo ultimo folle film, sembra che l’abbia raggiunta. 

tumblr_inline_nkdnf8rJH31r6gxh4La storia, come sempre, non è semplice da riassumere sebbene il plot sia, come sempre, banale (o assente): una bambina si accorge che nello stomaco di un cinghiale, appena ucciso dal padre, c’è una videocassetta. In famiglia non se ne è accorto nessuno, tanto che la vhs è finita nel bidone dell’immondizia assieme tutte le altre frattaglie della bestia, ma 45777510come tutti i bambini, anche lei è così curiosa da fare di tutto per cercare di visionarne il contenuto. Parallelamente c’è la storia del cameraman Jason Tantra (interpretato da un superbo Alain Chabatche sta cercando di realizzare il suo primo film, ed al quale il produttore Bob Marshall gli chiede, per chiudere il contratto, di trovare un suono da premio Oscar che rappresenti al meglio la sofferenza delle vittime di cui parla il suo film, chiamato Waves.

1408975224165Se all’apparenza dunque, il film si poggia su queste solide parallele, è anche vero che a mischiare le carte è un terzo regista, Zog (a cui presta lo scarno volto John Glover) un documentarista diventato un homeless, strappato dalla strada proprio dal produttore, e che adesso sta facendo un grand film: proprio sulla storia della bambina che ha trovato la videocassetta.

realite-quentin-dupieuxCi siamo persi? sicuramente, o forse no, se seguiamo il film come se fossimo seduti tra David Lynch e i fratelli Coen, dietro Jean Luc Godard, e non riuscissimo ad alzarci dalla sedia perché qualcuno ci ha messo la colla sotto il culo. Questo è Réalité e questo è il nuovo film di Quentin Dupieux, un viaggio psichedelico nel cinema nonsense che si struttura su così tanti piani, da quello onirico a quello puramente visivo, fino a quello visionario, capace di riconsegnare al suo pubblico un piacere davvero raro: del gioco del CHxKYsuWoAAGVHgcinema in quanto tale, solo per se stesso. E’ emblematico infatti che tutto abbia inizio con la scena di caccia, e con la bambina che è  addormentata in auto: potrebbe essere addirittura tutto un lungo sogno (raccontato tecnicamente al contrario, dove non è alla fine che la bambina si sveglia, ma all’inizio che si mostra già dormire).

REALITE_CHABAT_11Siamo in un sogno allora, siamo nel cinema, siamo in quella zona della visione che non ci permette di mettere in relazione le persone tra di loro se non per occasionali passaggi (tutti i protagonisti si sfiorano, dal preside che si veste da donna a bordo di una jeep fino alla psicologa che si prende carico dei suoi sogni, e che non sono sogni) come avviene appunto durante quella fase della giornata, in cui non siamo più consci di quello che stiamo vedendo.

realite_subita_2014Un film che può spappolare il cervello, come dice Bob Marshall (Jonathan Lambert) quando finalmente vede il contenuto della videocassetta, ma anche quello che propone il cameraman Jason Tantra alla base del plot del suo film Waves: televisori assassini che attraverso l’emissione delle fanno esplodere la loro testa dei telespettatori.

Réalité.jpg1_In Réalité allora tutti vedono attraverso qualcosa, tutti si addormentano e si risvegliano, in questo gioco che forse potrebbe essere solo l’ennesimo omaggio omaggio di Dupieux (come sempre autore anche della sceneggiatura) al suo cinema ed ai suoi registi preferiti (come non vedere in Waves rimando a Videodrome (1983) e Scanners (1981) di David Cronenberg) e a quelli che forse ha davvero odiato (“fuck Kubrick“).

Ci aspettiamo di vedere Waves adesso, ovviamente, o continueremo a sognarlo.

buona visione.

Annunci
  1. […] Realitè di Quentin Dupieux – Je suis Mr. Oizo. […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: