LivingCinema

La Napoli riflessa dell’avvocato Perez.

In Nicheldome on 2 aprile 2015 at 19:24

logo perez defUn uomo in tuta esce da un palazzo e inizia a fare jogging, mentre un altro si suicida lanciandosi da una finestra. Probabilmente hanno qualcosa in comune, perché quello che si è suicidato, prima di buttarsi, ha chiamato l’uomo in tuta urlando il suo nome. Perez. 

Perez.-ZingarettiDemetrio Perez è un avvocato di ufficio che molto tempo fa ha avuto la possibilità di fare il grande salto, dare una svolta alla sua vita, ma ha sbagliato nemico con il risultato di rovinare la propria carriera, ma anche divorziare dalla moglie. Perez è un depresso, soprattutto adesso che la figlia Tea si vuole fidanzare con Francesco Corvino, il figlio di un potente latitante.

perez_lucazingaretti_marcodamore_foto_luigicecconL’occasione di migliorare la propria carriera, di cambiare radicalmente la propria vita, arriva un giorno prima dopo essere uscito coraggiosamente incolume da una tentata rapina e poi attraverso la difesa di un pentito della camorra, che chiede espressamente di essere difeso da Perez. E non perché sia bravo, ma perché “sta così inguaiato” che può anche chiedergli di andare, per con suo, a ritirare una trentina di capsule piene di diamanti, all’interno di un toro vivo.

30933412_perez-di-edoardo-de-angelis-la-recensione-0In un gioco ben bilanciato di capovolgimento delle condizioni, Perez (2014) di Edoardo De Angelis arriva schietto ad una conclusione: amore e denaro sono due cose che non riescono mai ad andare d’accordo, tantomeno se di mezzo ce l’illegalità. Così succede che un avvocato e padre di famiglia, sottomesso anche dai capricci della figlia, si ritrovi, attraversato il confine della legalità, con forse la scelta migliore che avrebbe potuto fare nella sua vita, quella che non ha fatto tanti anni prima; d’altro canto è invece la vicenda della figlia, la quale innamorata di Francesco, conoscerà l’infelicità che può portare vivere con un latitante.

U7Uz1uSwzuMSiOde_pUn film che forse soffre troppo il successo recente di Gomorra – La serie (anche il film è ambientato a Napoli) e della partecipazione di uno dei suoi protagonisti, Marco D’Amore, qui nel ruolo di Francesco Corvino, anche se i luoghi geografici e narrativi sono del tutto apposti: i palazzi di vetro, le procure, tutto si allontana dalla Napoli classica camorristica per assecondare una storia di infelicità e corruzione medio borghese (la scena della festa di Tea è molto importante da questo punto di vista, che mostra la semplicità con la quale Francesco viene introdotto nella “famiglia” Perez). E’ questo uno degli aspetti forse più interessante del film.

18978-clip-perez

Giampaolo Fabrizio

Opera seconda quindi per De Angelis dopo Mozzarella Stories del 2011 e sempre con Luca Zingaretti, in Perez. rischiosamente vicino al suo personaggio più famoso (il commissario Montalbano) dal quale riesce a prendere invece le distanze. Un grandissimo Giampaolo Fabrizio nel ruolo di Ignazio Merolla, collega di Perez. 

buona visione.

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: