LivingCinema

Vittima degli eventi: l’assalto del web al cinema.

In Videodrome on 3 novembre 2014 at 16:42

dylan-dogE’ un dato di fatto che molta della fruizione di cinema o video passi ormai attraverso la rete, e questa cosa per i blogger, i vlogger e i social media friends è una specie di religione, o dipendenza.

Freaks-01-638x425Per questo fenomeno sono stati cambiati gli approcci alle parole (virale per esempio adesso è un fenomeno positivo per il web), si è radicato il legame con la serialità (web series) e in alcuni casi si è anche conquistata almeno la televisione (Mario di Maccio Capatonda, Non cresce l’erba di Mario Bucci e Freaks! di Matteo Bruno e Claudio Di Biagio). Prima di tutti ovviamente (o meglio di tutti) c’era Willwoosh (Guglielmo Scilla, che poi è anche andato al cinema) ma soprattutto quelli di Lost in Google di Francesco Ebbasta Capaldo e prodotta dai The Jackal.

showposterDopo il successo infatti della loro serie (e la nascita di tante altre di effettivo buon valore) i ragazzi di The Jackal hanno cominciato ad esplorare la rete non solo a livello di immagine, racconto, viralità, ma anche da un punto di vista commerciale, promuovendo, producendo e distribuendo anche lavori degli altri e per gli altri artisti e committenti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIeri i The Jackal ne hanno lanciata un’altra: Vittima degli eventi di Claudio Di Biagio e Luca Vecchi (della web serie The Pills e qui nel ruolo di Groucho) è stato lanciato sul loro canale youtube con una visione che ha superato 50.000 visualizzazioni in meno di 24 ore. Di che si tratta? E’ un film breve ispirato al famoso fumetto Dylan Dog. 

dylan-dog-vittima-eventi-film-locandinaSenza entrare troppo nell’affascinante aspetto produttivo (crowdfunding su Indiegogo per 30.000 euro) e su quello che è il potenziale di una rete di diffusione come quella che i vlogger riescono a stendere, Vittima degli eventi ha comunque tutta una serie di pregi tipici del web, che alla lunga però si mostrano anche come difetti.

luca-vecchi-e-valerio-di-benedetto-in-vittima-degli-eventiNella durata dei 45 minuti per esempio, la buona fotografia di Matteo Bruno a volte stanca per eccesso di firma sul racconto, la regia intimista a volte sembra semplicemente flat, e il ritmo di una produzione fatta spesso di pochi tagli rallenta quelli che sembrano dei veri e propri spiegoni: l’uso della parola (tipico di una scrittura vlogger) è ancora infatti molto presente sulla lunghezza dei 45 minuti (un po’ in stile anni ’80), appesantendo un po’ il binomio Dylan/Groucho Valerio Di Benedetto/Luca Vecchi.

Rupert Everett e Anna Falchi

Rupert Everett e Anna Falchi

Per contro sono però esattamente gli stessi difetti che hanno tutti i maldestri tentativi fatti di trasformare le tavole avventurose dell’indagatore dell’incubo in immagini in movimento: tremendo sicuramente Dylan dog – Il film (2010) di Kevin Munroe, mentre Dellamorte Dellamore (1994) di Michele Soavi aveva almeno come protagonista il vero Rupert Everett (al quale il personaggio dei fumetti si ispirava) oltre che una pruriginosa partecipazione del silicone di Anna Falchi.

valerio-di-benedetto-e-alessandro-haberNel caso di Vittima degli eventi, che ha un cast impreziosito dalle partecipazioni di Alessandro Haber e Milena Vukotic, non stiamo parlando quindi di peggio di quanto già esisteva in circolazione, anzi, perchè è sempre un film (breve) fatto a bassissimo costo, che ha molti pregi quindi già per tutto quello che questo comporta, e che in qualche modo è già quindi un piccolo passo verso la conquista del cinema da parte delle piccole produzioni digitali indipendenti, e soprattutto della fitta rete italiana.

buona visione.

sito ufficiale: http://www.vittimadeglieventi.com

  1. […] del film, risentono anche del successo del video Promettimi che non lavorerai mai del collettivo The Jackal (proprio sul posto fisso) e stentano parecchio a far decollare il personaggio […]

    "Mi piace"

  2. Non male, dai! Perlomeno vedere qualcosa di diverso è sempre piacevole. La fotografia e gli ambienti sono le cose che ho apprezzato di più. Sulla falsariga di questo, aspetto dii vedere “Il ragazzo invisibile” di Salvatores!

    "Mi piace"

  3. Ho appena finito di vederlo 🙂

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

Luciano Lapadula

Siamo Ciò Che Vestiamo | We Are What We Wear

ILPAESE DEI SOGNI

DOVE SE NON QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: